Recensione “Bacio feroce” di Roberto Saviano

Recensione “Bacio feroce” di Roberto SavianoBacio feroce di Roberto Saviano
Pubblicato da: Feltrinelli
Genere/i: Narrativa, Thriller
Formato: Paperback
Pagine: 400
Compra su Amazon
Goodreads
three-stars

Sigillano silenzi, sanciscono alleanze, impartiscono assoluzioni e infliggono condanne, i baci feroci. Baci impressi a stampo sulle labbra per legare anima con anima, il destino tuo è il mio, e per tutti il destino è la legge del mare, dove cacciare è soltanto il momento che precede l’essere preda.

La paranza dei bambini ha conquistato il potere, controlla le piazze di spaccio a Forcella, ma da sola non può comandare. Per scalzare le vecchie famiglie di Camorra e tenersi il centro storico, Nicolas ’o Maraja deve creare una confederazione con ’o White e la paranza dei Capelloni. Per non trasformarsi da predatori in prede, i bambini devono restare uniti. Ed è tutt’altro che facile. Ogni paranzino, infatti, insegue la sua missione: Nicolas vuole diventare il re della città, ma ha anche un fratello da vendicare; Drago’ porta un cognome potente da onorare; Dentino, pazzo di dolore, è uscito dal gruppo di fuoco e ora vuole eliminare ’o Maraja; Biscottino ha un segreto da custodire per salvarsi la vita; Stavodicendo non è scappato abbastanza lontano; Drone, Pesce Moscio, Tucano, Briato’ e Lollipop sono fedeli a Nicolas, però sognano una paranza tutta loro... Fra contrattazioni, tradimenti, vendette e ritorsioni, le vecchie famiglie li appoggiano per sopravvivere o tentano di ostacolarli – come il Micione che prova a riprendersi le piazze seminando discordia direttamente in seno alle paranze. Una nuova guerra sta per scoppiare? Prosegue il ciclo della Paranza dei bambini e Roberto Saviano torna a raccontare i ragazzi dei nostri giorni feroci, nati in una terra di assassini e assassinati, disillusi dalle promesse di un mondo che non concede niente, tantomeno a loro. Forti di fame. Forti di rabbia. Pronti a dare e ricevere baci che lasciano un sapore di sangue.

Recensione senza spoiler

Bacio feroce, seguito di La paranza dei bambini, si conferma essere copia spudorata del primo libro portando con sè esattamente gli stessi problemi del primo libro. Per questo motivo ho deciso di “copiare” parti della mia precedente recensione per paragonarle a questo libro. Se avete già letto il primo libro della “serie” o la mia recensione, sappiate che di nuovo c’è ben poco.

Le parti di recensione “riciclata” saranno identificabili in questo modo:

Se mi chiedessero di recensire La paranza dei bambini in una sola parola, risponderei “Meh“.

Prosa

Ambientato a Napoli, La paranza dei bambini è ricco, molto ricco di dialoghi in napoletano.

Ma a differenza del primo libro, qua ho fatto molta più fatica a comprendere il significato di alcune frasi, arrivando addirittura a non capire nulla in determinati casi. Di solito però dal contesto si può sempre comprendere ciò che si sta dicendo.

Descrizioni infinite di cose banali e frasi senza utilità alla storia ma buttate lì per incrementare il contatore di parole.

Questo non succede in Bacio feroce, per il semplice motivo che siamo passati dalle frasi ad interi capitoli banali e senza utilità alla storia. A fine lettura mi sono reso conto della quantità di cose inutili descritte nel libro e fini solo a sé stesse.

Una cosa che ho apprezzato è invece la maggior presenza di scene violente, le quali dimostrano come sia cambiata la paranza dei bambini in soli sei mesi. Sono più grandi, si credono adulti e, a differenza del primo libro, non hanno più paura di usare la violenza.

Trama 

Per descrivere la trama mi basta copiare pari pari i due paragrafi dedicati alla trama de La paranza dei bambini:

Il libro non segue un vero e proprio filone narrativo, il protagonista non ha un obiettivo se non un generico “conquistiamo il mondo”. Tutto il libro è un susseguirsi di blocchi/capitoli a sé stanti con in background un sottile filo conduttore. Abbiamo il blocco di “Drone”, che dura circa 3 capitoli, abbiamo poi il blocco “furto di un camion”, fine a sé stesso e che dura circa due capitoli. Potrei andare avanti all’infinito e dividere tutto il libro in questo modo, con brevi capitoli di riconciliazione della trama sparsi a caso.

E tutto questo porta al finale (niente spoiler, tranquilli), prevedibile con pagine d’anticipo e così aperto e pronto a un sequel che mancava solo la scritta “Acquista il seguito a soli 4.99” in fondo alla pagina (Aggiornamento: e infatti dopo soli 11 mesi è uscito il sequel Bacio feroce).

Tutto questo è valido anche in questo caso. Nessuna trama se non il protagonista che desidera avere sempre più soldi, divisione del libro in blocchi isolati che mi ricordano episodi autoconclusivi di serie TV, finale scontatissimo e prevedibile.

Personaggi

La paranza è composta da dieci ragazzini, tra i 10 e i 16 anni, il cui capo è Nicolas ‘o Marajà. Ognuno ha il proprio soprannome e il nome non viene usato praticamente mai: Pesce moscio, Dentino, Drone, Lollipop, Biscottino e così via. A questi dieci soprannomi si aggiungono anche quelli di altri ragazzini, di camorristi e di persone a caso. Vi sono così tanti personaggi, tutti mal o per nulla caratterizzati, che ci si perde nella massa di nomi senza un volto dietro. Quando si legge un nome non si riconosce una persona, non ci sono emozioni, sentimenti o una psicologia. Il vuoto totale. Nessun personaggio viene analizzato psicologicamente se non in modi molto superficiali. Non si può creare nessun legame con nessun personaggio perché non li si conosce minimamente, sono uno tale e quale all’altro.

Nel caso di Bacio feroce quanto detto sopra si sente ancora di più. I personaggi non vengono introdotti in alcun modo, non c’è nessun aiuto per rinfrescare la memoria del lettore. Ci si ritrova quindi inondati di nomi, soprannomi ed eventi senza ricordarsi molto (nel mio caso non ricordavo nulla).

Conclusioni

Un seguito che non migliora, ma che invece ripete gli stessi errori del suo predecessore. Se avete già letto La paranza dei bambini questo libro ne è la copia, quindi sta a voi decidere se vale il vostro tempo.

Aiuta il blog condividendo questo post!

Lascia un commento