Recensione “Iro iro. Il Giappone tra pop e sublime” di Giorgio Amitrano

Recensione “Iro iro. Il Giappone tra pop e sublime” di Giorgio AmitranoIro iro. Il Giappone tra pop e sublime di Giorgio Amitrano
Pubblicato da: De Agostini
Genere/i: Nonfiction
Formato: eBook
Pagine: 237
Compra su Amazon
Goodreads
three-half-stars

"Iro" in giapponese significa colore. "Iro iro", raddoppiato, è una miscellanea variopinta, un insieme articolato e sorprendente. E così è questo libro, che accompagna il lettore in un viaggio inaspettato e iridescente attraverso la vita, la cultura e le contraddizioni di un Paese che esprime forse più di qualsiasi altro l'inesauribile varietà delle emozioni, delle atmosfere, dei possibili modi di essere. Scopriamo un popolo capace di provare il più innocente stupore infantile e allo stesso tempo di elaborare inquietanti perversioni; di emozionarsi davanti al glorioso splendore della fioritura dei ciliegi fino a provarne quasi paura; di correre verso il futuro a velocità ineguagliabili ma anche di rinnovare, con una costanza senza tempo, i riti della tradizione più antica. Dalle radici storiche della passione giapponese per il canto a una serata magica in un karaoke bar insieme a una scrittrice famosa; dagli imprevedibili esiti di un esercizio di calligrafia in un monastero al sottile confine che separa realtà e fantasia nelle pagine degli scrittori contemporanei, Giorgio Amitrano - che per molti è la voce italiana di Murakami Haruki e Yoshimoto Banana - ci racconta il Giappone che ha imparato a conoscere e amare, al di là degli stereotipi, dei pregiudizi e delle cieche infatuazioni che da sempre l'Occidente coltiva nei confronti di questo Paese. Ci svela un Giappone autentico, sconosciuto, multiforme: il più vero.

Recensione senza spoiler

Ho iniziato a leggere Iro iro per via delle referenze dell’autore, traduttore di Banana Yoshimoto e Haruki Murakami tra gli altri, aspettandomi un libro ricco di nozioni sul Giappone. Così è stato, ma purtroppo la scrittura è lenta e, essendo un libro che fornisce informazioni di continuo senza trama o altro, annoia facilmente. Per questo motivo ho impiegato ben quattro mesi per leggere questo piccolo libro.

A parte questo piccolo intoppo, il libro mantiene le mie aspettative, fornendo innumerevoli informazioni sul paese del sol levante.

Ero già a conoscenza di molte di esse e credo che una persona più esperta o informata di me troverà questo libro piuttosto scontato, ma come lettura per novizi la consiglio caldamente.

Aiuta il blog condividendo questo post!

Lascia un commento