Recensione "Kafka sulla spiaggia" di Haruki Murakami

10 Maggio 2020

Kafka sulla spiaggia di
Casa Editrice:
Genere:
Formato: Paperback
Pagine: 514

Un ragazzo di quindici anni, maturo e determinato come un adulto, e un vecchio con l'ingenuità e il candore di un bambino, si allontanano dallo stesso quartiere di Tokyo diretti allo stesso luogo, Takamatsu, nel Sud del Giappone. Il ragazzo, che ha scelto come pseudonimo Kafka, è in fuga dal padre, uno scultore geniale e satanico, e dalla sua profezia, che riecheggia quella di Edipo. Il vecchio, Nakata, fugge invece dalla scena di un delitto sconvolgente nel quale è stato coinvolto contro la sua volontà. Abbandonata la sua vita tranquilla e fantastica, fatta di piccole abitudini quotidiane e rallegrata da animate conversazioni con i gatti, dei quali parla e capisce la lingua, parte per il Sud. Nel corso del viaggio, Nakata scopre di essere chiamato a svolgere un compito, anche a prezzo della propria vita. Seguendo percorsi paralleli, che non tarderanno a sovrapporsi, il vecchio e il ragazzo avanzano nella nebbia dell'incomprensibile schivando numerosi ostacoli, ognuno proteso verso un obiettivo che ignora ma che rappresenterà il compimento del proprio destino. Diversi personaggi affiancano i due protagonisti: Hoshino, un giovane camionista di irresistibile simpatia; l'affascinante signora Saeki, ferma nel ricordo di un passato lontano; Òshima, l'androgino custode di una biblioteca; una splendida prostituta che fa sesso citando Hegel; e poi i gatti, che sovente rubano la scena agli umani. E infine Kafka. "Uno spirito solitario che vaga lungo la riva dell'assurdo".

Kafka sulla spiaggia è il primo libro di Haruki Murakami che leggo e l'ho iniziato senza sapere assolutamente nulla sulla trama. Finito il libro posso dire di non sapere ancora nulla sulla trama, talmente è confusa.

Trama

All'inizio Kafka sulla spiaggia è un normalissimo libro di narrativa con una narrazione da due punti di vista: quello di Kafka, quindicenne scappato di casa perché il padre è un cattivone, e Nakata, un vecchio con problemi mentali. Nakata parla con i gatti, ma la cosa non sorprende molto in quanto ci è già chiaro che l'uomo non sia del tutto sano di mente.

In seguito gli avvenimenti senza senso aumentano, arrivando a coprire quasi del tutto la parte realistica.

Questo paragrafo potrebbe contenere spoiler:

⚠️ CLICCA PER MOSTRARE SPOILER ⚠️

Dopo un bel po' di lenti capitoli Nakata incontra un cane che parla, il quale lo accompagna dalla mascotte di una marca di Whisky. La mascotte scuoia gatti e ci costruisce flauti, con lo scopo di costruire un flauto gigante che permette di fare... qualcosa. Allora Nakata uccide l'uomo e fugge. Si scopre che la mascotte del Whisky era il padre del ragazzino, Kafka, ma non vengono trovati gatti morti e scuoiati, quindi forse quella di Nakata era solo un'allucinazione. Da qui inizia il declino della trama, con eventi sempre più illogici, scollegati tra loro e inutili ai fini della trama. I capitoli diventano più lenti, le descrizioni prolisse, leggere diventa una fatica e ogni capitolo succede qualcosa che forse è successo, ma forse no, quindi forse è una metafora, ma forse non lo è. Piovono pesci, si spostano sassi importanti, il colonnello Sanders del KFC diventa un pappone e molto altro. Molte di queste cose non servono a nulla, sembra quasi che sono state scritte solo per aggiungere parole. Per esempio, perché il colonnello Sanders è un pappone? Perché Nakata può far piovere sanguisughe?

Alla conclusione del libro viene lasciato tutto senza risposta. Non viene spiegato nulla e si utilizza la famosa tecnica del "lasciare l'interpretazione al lettore", utile quando nemmeno lo scrittore sa cosa ha scritto.

Capisco che a molte persone piacciano i libri ricchi di metafore, che lasciano molte cose a discrezione del lettore, ma non riesco ad apprezzare un libro che si basa unicamente su questo elemento.

Stile di scrittura

Ho apprezzato lo stile di scrittura di Murakami nella prima parte di Kafka sulla spiaggia, è molto scorrevole e piacevole. Purtroppo con l'aumentare delle cose insensate e delle metafore lo stile muta, diventando più prolisso e descrittivo, rendendo la lettura molto più difficoltosa.

Conclusioni

Un libro confusionario senza capo né coda. Finita la lettura non mi ha lasciato nulla. Probabilmente darò un'altra possibilità all'autore, ma questo libro non mi è piaciuto.