Recensione “La profezia dell’armadillo” di Zerocalcare

Recensione “La profezia dell’armadillo” di ZerocalcareLa profezia dell'armadillo. Artist edition di Zerocalcare
Pubblicato da: Bao Publishing
Genere/i: Fumetto, Graphic novel
Formato: Hardcover
Pagine: 160
Compra su Amazon
Goodreads
three-half-stars

Cinque anni e centomila copie dopo il debutto in libreria, torna in una nuova edizione il più classico dei titoli di Zerocalcare: formato più grande (lo stesso di Kobane Calling), storia principale in bianco e nero, e una nuova storia introduttiva di dodici pagine, per fare il punto sul tempo che è passato.

Recensione breve di La profezia dell’armadillo (senza spoiler)

La profezia dell’armadillo è la prima graphic novel di Zerocalcare autoprodotta nel 2011.

Il libro è suddiviso in storie brevi, ognuna basata su un tema o un concetto a sé stante. Il sottile filo conduttore di alcuni di questi capitoli è la morte di un’amica di Zerocalcare e il modo in cui lui prova ad accettare questo fatto.

Rispetto alle successive opere di Zerocalcare, ho trovato questa graphic novel un po’ sottotono. Non racconta una storia, come negli altri libri da me già letti, ma la morte dell’amica è solo secondaria, non è l’elemento principale. Mi aspettavo tutt’altro, forse per questo sono rimasto leggermente deluso. Inoltre, ho notato una carenza nel solito umorismo di Zero, molto più presente nelle successive opere.

Aiuta il blog condividendo questo post!

Lascia un commento