Recensione “Macerie prime” di Zerocalcare

Recensione “Macerie prime” di ZerocalcareMacerie prime di Zerocalcare
Serie: Macerie prime #1
Pubblicato da: Bao Publishing
Genere/i: Graphic novel
Formato: Hardcover
Pagine: 192
Compra su Amazon
Goodreads
four-half-stars

Macerie prime è una storia su cosa ci rende umani. Sulle cose che, per quanto siano messe a dura prova dalla vita, dobbiamo proteggere a ogni costo. Un libro in cui un cast corale e allargato rispetto al tipico narrare di Zerocalcare si confronta che le fragili realtà che, appena qualche anno prima, erano i loro sogni per il futuro.

Recensione senza spoiler

Questo è il primo libro di Zerocalcare che leggo, pur conoscendolo da anni per via della sua popolarità e dei suggerimenti di amici. Per vari motivi non mi ero mai deciso ad acquistare un suo albo, ma il cofanetto contenente la duologia di Macerie prime mi ha finalmente convinto.

 

Macerie prime è un libro molto profondo ma anche ricco di umorismo. Ti fa sorridere, ti fa pensare e ti mette angoscia nel giro di poche pagine, ci si identifica con le emozioni e le paure provate dagli amici di Zerocalcare presenti nel fumetto.

I disegni sono molto ben fatti e ogni vignetta è ben riempita, nessun riquadro risulta essere povero di disegni.

Una graphic novel apprezzatissima, sono contento di aver iniziato anch’io a leggere Zerocalcare!

Edizione

Questo è stato anche il primo volume edito BAO Publishing da me letto. Qualità altissima, sia delle pagine che del volume in sé. Nessun errore o problema di alcun tipo. Anche il cofanetto, comunque in cartone, risulta essere più solido e di qualità rispetto ai soliti cofanetti economici che si rompono al minimo tocco.

 

Per completezza consiglio anche la lettura del secondo volume: qui.

 

Aiuta il blog condividendo questo post!

Una risposta a “Recensione “Macerie prime” di Zerocalcare”

  1. […] questo volume ritroviamo gli stessi elementi del primo, quindi vi rimando alla recensione di Macerie prime nel caso in cui non l’abbiate letta. Tra i due volumi ho trovato solamente una differenza: ho […]

Lascia un commento