Recensione “Maus” di Art Spiegelman

Recensione “Maus” di Art SpiegelmanMaus di Art Spiegelman
Pubblicato da: Einaudi
Genere/i: Fumetto, Graphic novel
Formato: Paperback
Pagine: 291
Compra su Amazon
Vedi su Goodreads
five-stars

La storia di una famiglia ebraica tra gli anni della guerra e il presente, fra la Germania nazista e gli Stati Uniti. Un padre, scampato all'Olocausto, e un figlio che fa il cartoonist e cerca di trovare un ponte che lo leghi alla vicenda indicibile di suo padre. Una piccola struggente storia famigliare sullo sfondo della piú immane tragedia del Novecento. Raccontato nella forma del fumetto: gli ebrei sono topi, i nazisti, gatti. Un libro imprescindibile, commovente e lieto, tragico e necessario, come la vita.

Recensione Maus (senza spoiler)

Definire Maus “Graphic Novel” e basta sarebbe riduttivo. Non sapevo bene cosa aspettarmi da questo libro, ma non potevo di certo aspettarmi una lettura così forte e d’impatto.

Trama

Maus narra della storia del padre dell’autore, un ebreo polacco, durante la seconda guerra mondiale. La prima parte mostra il graduale inasprimento della vita del padre prima della guerra, fino ad arrivare alla segregazione e alla deportazione. La seconda parte descrive la deportazione e la vita nel campo di concentramento di Majdanek prima e di Auschwitz poi.

Le vicende ci vengono mostrate tramite i ricordi in flashback del padre. Tra queste l’autore inserisce anche i dialoghi che avvengono col padre nel presente, come se volesse mostrare al lettore come è stato creato il fumetto oppure le conseguenze che la prigionia ha avuto sul padre.

Disegni

I disegni di Maus sono sporchi, ricchi di nero. Aprendo una qualsiasi pagina salta subito all’occhio la forte presenza di colori scuri e ombre, quasi a voler appesantire ancor di più la storia. Ogni vignetta funziona in perfetta sintonia con la storia, aumentando il senso di angoscia che si ha durante la lettura.

Conclusioni

Una graphic novel meravigliosa, assolutamente consigliata a tutti.

Lascia un commento