Recensione “Il racconto dell’ancella” di Margaret Atwood

Copertina Libro

Il racconto dell’ancella narra di un futuro (ormai passato) dove poche donne sono rimaste fertili e, vista la loro utilità, vengono usate come schiave per la riproduzione. Il romanzo parte quindi con un concetto interessante, che però non viene approfondito né supportato da una trama valida. Trama Il racconto dell’ancella non ha una trama, ma bensì un paio di eventi casuali, qualche dialogo fine a sè stesso, innumerevoli pensieri introspettivi …

Continua a leggereRecensione “Il racconto dell’ancella” di Margaret Atwood

Recensione “Starship Troopers” di Robert A. Heinlein

Copertina libro

Recensione Starship Troopers (senza spoiler) Starship Troopers inizia con una scena d’azione su un pianeta alieno con il nostro protagonista che lancia bombe in punti casuali per poi ritirarsi. Finito questo primo capitolo il libro diventa il diario di un soldato di un ipotetico futuro. Viene descritto l’arruolamento, l’addestramento e ogni singola giornata militare del protagonista, ma della fantascienza o dell’azione non si vede nemmeno l’ombra. Per tutta la durata …

Continua a leggereRecensione “Starship Troopers” di Robert A. Heinlein

Recensione “Iro iro. Il Giappone tra pop e sublime” di Giorgio Amitrano

Recensione senza spoiler Ho iniziato a leggere Iro iro per via delle referenze dell’autore, traduttore di Banana Yoshimoto e Haruki Murakami tra gli altri, aspettandomi un libro ricco di nozioni sul Giappone. Così è stato, ma purtroppo la scrittura è lenta e, essendo un libro che fornisce informazioni di continuo senza trama o altro, annoia facilmente. Per questo motivo ho impiegato ben quattro mesi per leggere questo piccolo libro. A …

Continua a leggereRecensione “Iro iro. Il Giappone tra pop e sublime” di Giorgio Amitrano

Recensione “Vado verso il Capo” di Sergio Ramazzotti

Recensione “Vado verso il Capo” di Sergio RamazzottiVado verso il Capo: Edizione del ventennale. Con introduzione e fotografie inedite di Sergio Ramazzotti
Pubblicato da: Feltrinelli
Genere/i: Narrativa di viaggio
Formato: eBook
Compra su Amazon
Vedi su Goodreads
four-stars

“Sono trascorsi vent’anni, e ‘Vado verso il Capo’, come certi politici, è ancora fra noi. Per festeggiarlo gli abbiamo messo un vestito nuovo, ma sotto c’è ancora lo stesso identico diario scritto da un ragazzino ingenuo del cazzo: vorrei che ciò valesse anche per l’autore.” A vent’anni dall’uscita in libreria, torna il viaggio di Sergio Ramazzotti per un’Africa che non tornerà più e un’altra che sembra destinata a rimanere così in eterno. Per la prima volta con decine di fotografie inedite che l’autore è riuscito a scattare e salvare da ladri e militari. Fotografie che illustrano i 13.000 km percorsi da Algeri a Città del Capo, affrontando il Sahara e la giungla usando ogni genere di trasporto - bicicletta, camion, treni merci, taxi, furgoni, traghetti, barchini - o andando a piedi, spesso senza soldi per corrompere le autorità, ma sempre accanto a quei personaggi indelebili che animano vividi ancora oggi le sue pagine. Numero di caratteri: 594.574

Recensione senza spoiler

Prosegue la mia fase “Letteratura di viaggio”, ma finalmente cambio continente e stavolta eccoci in AfricaVado verso il Capo di Sergio Ramazzotti, autore di cui non avevo mai letto nulla, ci accompagna da Algeri, nel nord, fino a Città del Capo, in Sudafrica, muovendosi usando solo mezzi terrestri: camion, treni, taxi affollatissimi…

Continua a leggereRecensione “Vado verso il Capo” di Sergio Ramazzotti

Recensione “Il tatuatore” di Alison Belsham

Recensione senza spoiler Il Tatuatore è il thriller d’esordio di Alison Belsham, finora dedita alle sceneggiature. In città avvengono diversi omicidi accumunati da un solo fattore: il killer rimuove parti del corpo tatuate. Sarà compito del neo-promosso ispettore Francis Sullivan, aiutato dalla tatuatrice dal passato turbolento Marni Mullins, risolvere il caso e dimostrare a tutti coloro che dubitano di lui il suo valore. Un thriller interessante, che si legge con …

Continua a leggereRecensione “Il tatuatore” di Alison Belsham

Recensione “La mia lotta per la libertà” di Yeonmi Park

Recensione “La mia lotta per la libertà” di Yeonmi ParkLa mia lotta per la libertà di Yeonmi Park
Pubblicato da: Bompiani
Genere/i: Biografia, Nonfiction
Formato: eBook
Pagine: 297
Compra su Amazon
Vedi su Goodreads
four-stars

“Sono estremamente grata per due cose: di essere nata in Corea del Nord e di essere fuggita dalla Corea del Nord. Entrambi gli eventi mi hanno formato, e non cambierei mai la mia vita con una pacifica e tranquilla. Ma c’è molto di più nella storia che mi ha portato a essere quella che sono oggi. [...] Durante il mio viaggio ho visto gli orrori che gli esseri umani sono capaci di infliggersi a vicenda, ma sono stata anche testimone di atti di tenerezza, gentilezza e sacrificio nelle peggiori circostanze immaginabili. So che si può perdere parte della propria umanità per spirito di sopravvivenza. Ma so anche che la scintilla della dignità umana non si potrà mai davvero spegnere e che, grazie all’ossigeno della libertà e al potere dell’amore, potrà tornare a brillare. Quella è la storia delle scelte che ho fatto per riuscire a vivere.”

Yeonmi Park racconta la sua storia incredibile: dall’infanzia sotto il regime di Kim Jong-il, alla fuga in Cina finita nelle mani dei trafficanti di esseri umani, alla ricerca senza esito della sorella Eunmi, alla traversata del gelido deserto di Gobi seguendo le stelle verso una nuova vita, il suo memoir è un inno senza retorica alla libertà e alla forza dello spirito umano.

Recensione senza spoiler

Il libro che recensisco oggi è la biografia di Yeonmi Park, nordcoreana fuggita dal suo paese natale in giovane età insieme alla madre. Avevo già letto Fuga dal campo 14, il quale narra della fuga Shin Dong-hyuk dal campo di concentramento di Kaechon in Nord Corea. Pur parlando dello stesso argomento, i due libri hanno una differenza sostanziale: Yeonmi Park è nata libera e relativamente agiata, mentre Shin Dong-hyuk è nato e cresciuto nel campo di prigionia, senza mai vedere il mondo esterno. Per questo motivo le loro storie sono molto diverse e tra loro complementari.

Il libro è intelligentemente diviso in tre parti, a seconda della nazione in cui si trova Yeonmi: Corea del Nord, Cina e Vietnam/Corea del Sud.

Continua a leggereRecensione “La mia lotta per la libertà” di Yeonmi Park