Recensione Audible di Amazon, la mia opinione sugli Audiolibri

Tempo di lettura: 5 minuti

RECENSIONE AUDIBLE

Il servizio di audiolibri più popolare vale il suo costo?

Audible lo conoscevo già da un paio d’anni, ma non lo avevo mai provato. Vuoi per dubbi verso gli audiolibri, vuoi per il catalogo non di mio interesse, ma non mi aveva mai attratto come servizio.
Il mese scorso, però, scopro tramite pubblicità che Audible adesso ha nel catalogo anche la serie completa di Harry Potter e decido quindi di provarlo. Avendo attivato anni fa la prova gratuita (mai sfruttata, accidenti a me), sborso 10 euro e scarico l’app su iOS pronto a testare questo servizio.

Catalogo – Tanti audiolibri nascosti

Al momento in cui scrivo, Audible dice di avere in catalogo più di 14.000 titoli. Niente male, certo, ma quanti di questi sono libri e quanti sono classici, podcast, corsi di lingue o libri di “self-help”? E poi, quanti di questi libri sono di nostro gusto? Il catalogo è molto diversificato e sarà difficile non trovare qualcosa che piace, questo è certo, ma la scoperta è difficile. Da un mese a questa parte vedo sempre i soliti titoli e bisogna passare del tempo a scavare nei meandri del sito/app per trovare qualche titolo nuovo e che, magari, ci interessa davvero. Per farvi un esempio, mentre scrivevo questa recensione ho scoperto la presenza di due titoli di Tiziano Terzani, autore di cui vorrei recuperare la bibliografia. Facendo una ricerca tramite la barra apposita sicuramente lo avrei trovato ma spesso non so nemmeno io cosa cerco, figuriamoci! Amazon sul proprio sito fa un (non sempre) ottimo lavoro nel suggerire titoli o prodotti che potrebbero interessarmi, perché non integrarlo in Audible? Magari è colpa mia che non ho ascoltato abbastanza.
Voto: 4/5 – Catalogo mal organizzato e con pochi titoli “moderni”

Software iOS

Avendo usato solo l’app iOS su un dispositivo di ultima generazione, recensirò solo questa versione.
L’app funziona, e questo è già qualcosa. Funziona bene? No.
Quando premo play sull’app l’audio ci mette un po’ a partire, se uso i comandi da centro di controllo addirittura non parte e devo premerlo più volte. Con le AirPods l’app si confonde e non capisce quando deve fermarsi o ripartire (per esempio, quando ne rimuovi una dovrebbe fermarsi ma invece prosegue, quando tappo due volte l’auricolare dovrebbe fermarsi o partire ma fa fatica a farlo).
Un paio di volte è andata in crash.
Non puoi ascoltare in streaming ma bisogna scaricare per forza l’audiolibro, occupando quindi spazio sul dispositivo.
Voto: 2/5

Ascolto via Browser


Se lo si desidera, è possibile anche ascoltare un audiolibro tramite browser su PC o Mac. La sincronizzazione è tale a quella su Kindle, chiede all’utente se si vuol proseguire dall’ultimo punto sul dispositivo in uso o da quello sincronizzato.
Avrei preferito un’applicazione stand-alone, dove poter scaricare gli audiolibri per l’ascolto offline, ma su MacOS non è ancora presente (su Windows esiste, a quanto mi risulta). Sono quindi costretto ad avere sempre una connessione internet per usufruire di Audible su Mac.
Voto: 3/5

Costo

Arriviamo al punto più importante della recensione, il costo. Praticamente 10 euro al mese per poter ascoltare tutti gli audiolibri che si vogliono. La questione però è: quanti audiolibri posso ascoltare in un mese?
La risposta varia da persona a persona. Personalmente mi distraggo facilmente, quindi posso ascoltare qualcuno che mi legge un libro solo in poche occasioni: in palestra, quando guido in città, magari poco prima di dormire. Spesso comunque mi perdo qualche pezzo di racconto e mi tocca tornare indietro. Non riesco a seguire il racconto troppo a lungo per via di gusti personali: in palestra preferisco passare un po’ di tempo senza ascoltare nulla o diversificando (con podcast o musica) piuttosto che spararmi un’ora e mezza di audiolibro.
In altre situazioni non mi è proprio possibile ascoltarli perché ciò che metto di sottofondo è, appunto, di sottofondo. Mentre programmo o lavoro su Photoshop preferisco avere della musica perché non mi devo concentrare per ascoltarla e molte volte non mi accorgo nemmeno che l’album che stavo ascoltando è finito. Ascoltare un audiolibro in questi casi sarebbe inutile. Io di audiolibri al mese ne ascolto veramente pochi.
Parlando ancora di costi, vorrei far notare che Spotify mi costa 5 euro (in quanto studente) e Netflix circa 4 euro al mese visto che lo condivido con amici. Questi due servizi mi intrattengono per molto più tempo e con molti più contenuti, eppure costano la metà di Audible. Per il servizio che offre, non sarebbe meglio avere un modello come Kindle Unlimited? Puoi acquistare un audiolibro a un prezzo definito oppure per 10 euro al mese hai accesso al catalogo completo.
Voto: 2/5

Conclusioni

Consiglio di sfruttare la prova di 30 giorni per capire se Audible sia un servizio adatto alle vostre esigenze. Per quanto mi riguarda, l’utilizzo che ne faccio non ne giustifica il prezzo.
Non vi è grande concorrenza (NdA: Ho scoperto da qualche giorno l’esistenza di Storytel, lo proverò presto) e questo è un male, poiché non sollecita il progresso del servizio. Su internet si possono trovare audiolibri gratuiti di qualità generalmente bassa, ma si tratta sempre di classici non più coperti da Copyright.
Vedremo come migliorerà col tempo, anche se nei due anni passati il progresso è stato minimo.