Recensione “La scuola di pizze in faccia del professor Calcare” di Zerocalcare

Recensione “La scuola di pizze in faccia del professor Calcare” di ZerocalcareLa scuola di pizze in faccia del professor Calcare di Zerocalcare
Pubblicato da: Bao Publishing
Genere/i: Graphic novel
Formato: Hardcover
Pagine: 298
Compra su Amazon
Vedi su Goodreads
four-stars

La più corposa raccolta di storie brevi di Zerocalcare (ben 304 pagine!), "La scuola di pizze in faccia del professor Calcare" si articola in tre sezioni: una di storie pop e quotidiane, una di storie di testimonianza e impegno sociale, e una di storie legate al cinema e alla televisione. A fare da collante alle tre sezioni, una nuova storia inedita di venticinque pagine, in cui l'autore di Rebibbia ragiona su come si concilino in lui il lato più leggero e quello più impegnato, in un mondo che vorrebbe gli autori facilmente classificabili, senza ambiguità nelle scelte dei temi di cui raccontano. L'indice chiarisce la cronologia delle storie e la provenienza (blog, riviste, post online, siti).

Recensione La scuola di pizze in faccia del professor Calcare (senza spoiler)

La scuola di pizze in faccia è la prima raccolta di storie brevi di Zerocalcare che leggo. Questo corposo volume raccoglie vari racconti presi da diverse fonti, tra cui il blog di Zerocalcare, Wired, Repubblica e altre fonti. Seguire in modo completo l’autore non è compito facile, quindi queste raccolte aiutano il lettore ad avere tutto il materiale prodotto da Zerocalcare in un unico comodo volume.

Come accade sempre nelle raccolte, non tutti i racconti sono qualitativamente equiparabili. Abbiamo storie ottime e storie buone, ma tutto sommato la qualità è sempre molto alta e nessuna storia mi ha particolarmente deluso.

Edizione

L’edizione è ottima, come sempre BAO Publishing è sinonimo di qualità. Sono anche sorpreso da quanto contenuto sia il prezzo in relazione alle pagine del volume.

Conclusioni

Sono rimasto molto soddisfatto da questa raccolta, la mia prima di Zerocalcare. Non devo cercare le sue storie in giro per il web o su riviste, mi basta attendere che venga tutto pubblicato nel comodo formato cartaceo.

Lascia un commento